^ TORNA SU

Oxprenololo

Da Wikifarmaco.
(Reindirizzamento da Trasitensin)
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

OXPRENOLOLO/CLORTALIDONE:

[modifica] STRUTTURA

File:Oxprenololo.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

L'oxprenololo è un betabloccante lipofilo (attraversa la barriera emato-encefalica), non selettivo (inibisce i recettori adrenergici sia β2 bronchiali che β1 cardiaci), dotato di attività simpaticomimetica intrinseca (esercita oltre all'effetto bloccante una attività di basso livello, agonista dei recettori β1 adrenergici cardiaci)

[modifica] INDICAZIONI

Oxprenololo con clortalidone (Trasitensin) è indicato per il trattamento dell'ipertensione arteriosa.

[modifica] CONTROINDICAZIONI

Oxprenololo con clortalidone (Trasitensin) è controindicatio in caso di ipersensibilità a uno dei due principi attivi

  • L'associazione a terapia con verapamil e diltiazem a causa del rischio di provocare un arresto cardiocircolatorio
  • Gravidanza e allattamento

[modifica] POSOLOGIA

Trasitensin (Oxprenololo con clortalidone): Adulti, nell'ipertensione lieve o moderata, 1 compressa al mattino. A seconda della risposta, se necessario, la posologia può essere aumentata a 2 compresse dopo 1-2 settimane.

[modifica] AVVERTENZE

  • Non essendo selettivo per i recettori β1 cardiaci, il blocco dei recettori β2 potrebbe provoca contrazione della muscolatura liscia bronchiale. Per questo motivo l'Oxprenololo deve essere impiegato con particolare cautela nei pazienti con precedenti di disturbi broncospastici.
  • Il trattamento con i betabloccanti non deve essere interrotto bruscamente per il rischio di scatenare aritmie cardiache.
  • sospendere il farmaco in caso di spiccata bradicardia.
  • l'antagonismo dei recettori β2 induce una diminuzione della gluconeogenesi e della glicogenolisi per questo motivo, l'ipoglicemia può aumentare nei diabetici in terapia insulinica.

[modifica] INTERAZIONI

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

[modifica] LINK CORRELATI

  • [[]]
Betabloccanti
Betabloccanti Beta1 selettivi (Cardioselettivi) Acebutololo (Sectral)   Atenololo (Atenol, Atenololo generico, Seles Beta, Tenormin)   Betaxololo (Kerlon)   Bisoprololo (Bisoprololo generico, Cardicor, Concor, Congescor, Sequacor)   Celiprololo (Cordiax)   Esmololo (Brevibloc)   Metoprololo (Lopresor, Metoprololo generico, Seloken)   Nebivololo (Lobivon, Nebilox)
Betabloccanti non selettivi (Beta1 e Beta2 bloccanti) Oxprenololo (Trasitensin)   Pindololo (Visken)   Propranololo (Inderal)   Sotalolo (Rytmobeta, Sotalex)   Timololo (Blocadren)
Betabloccanti non selettivi (Beta1, Beta2 bloccanti e Alfa1 bloccanti) Carvedilolo (Carvedilolo generico, Dilatrend...)   Labetalolo (Ipolab, Trandate)
Betabloccanti con attività simpaticomimetica intrinseca (ISA) Acebutololo (Sectral)   Celiprololo (Cordiax)   Sotalolo (Rytmobeta, Sotalex)
Betabloccanti colliri (Glaucoma) Betaxololo (Betoptic)   Carteololo (Carteol, Fortidose, Fortinol)   Levobunololo (Vistagan)   Timololo (Droptimol, Ialutim, Timogel, Timolabak, Timoptol XE)
Betabloccanti antiaritmici Esmololo (Brevibloc)   Sotalolo (Rytmobeta, Sotalex)

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social