^ TORNA SU

Rivastigmina

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:
Clicca su "►" per espandere:

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

[modifica] STRUTTURA

Rivastigmina.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

La ridotta produzione di acetilcolina è il difetto che si rileva più frequentemente nel cervello dei pazienti affetti dalla demenza di Alzheimer, da qui il tentativo di migliorare la funzione mentale e il benessere dei malati con farmaci capaci di bloccare in modo reversibile l’acetilcolinesterasi.

Infatti la Rivastigmina inibisce l’Acetilcolinesterarsi, (enzima responsabile della degradazione dell'acetilcolina) presente nel cervello soprattutto a livello della corteccia cerebrale e dell’ippocampo e ha meno effetto sull’enzima a livello periferico.

[modifica] INDICAZIONI

  • Trattamento sintomatico della malattia di Alzheimer di grado lieve e moderatamente grave.
  • Trattamento sintomatico della demenza da lieve a moderatamente grave in pazienti con malattia di Parkinson idiopatica.

[modifica] CONTROINDICAZIONI

[modifica] POSOLOGIA

la dose iniziale e' 1,5 mg due volte al giorno a colazione e a cena.

Se questa dose risulta ben tollerata per almeno due settimane di trattamento, potrà essere aumentata a 3 mg due volte al giorno

La dose efficace è da 3 a 6 mg due volte al giorno; per raggiungere il massimo beneficio terapeutico i pazienti devono essere mantenuti al più alto dosaggio ben tollerato. La dose massima raccomandata è di 6 mg due volte al giorno.

[modifica] EMIVITA

1,5 ore

[modifica] AVVERTENZE

[modifica] INTERAZIONI

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

  • Nausea
  • Stanchezza
  • Cefalea
  • Calo ponderale

[modifica] LINK CORRELATI

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social