^ TORNA SU

Olanzapina

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:

Indice

[modifica] SPECIALITÀ



[modifica] STRUTTURA

Olanzapina.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

l'Olanzapina è un farmaco antipsicotico, appartenente alla classe degli antipsicotici atipici; questa classe comprende anche il Risperidone, il Paliperidone, la Quetiapina , l'Aripiprazolo, la Clozapina, il ziprasidone e l'Amisulpride.

L’olanzapina ha un effetto antagonista sui recettori D1, D2, D4, 5HT2a, 5HT2c, H1, M1 e alfa1 adrenergico.

L’attività antipsicotica dell'Olanzapina è dovuta principalmente all’antagonismo dei recettori dopaminergici D2 nel sistema mesolimbico e dei recettori serotinergici 5HT2a nella corteccia frontale.

[modifica] INDICAZIONI

  • Trattamento della schizofrenia
  • l'Olanzapina e' un stabilizzante dell'umore capace di controllare sia i sintomi positivi chiamati anche episodi maniacali, caratterizzati da aggressività e agitazione nei pazienti affetti da disturbo bipolare sia i sintomi negativi caratterizzati da appiattimento affettivo, apatia e ritiro sociale.
  • In associazione con un antidepressivo (Fluoxetina, escitalopram, citalopram), viene utilizzata nella terapia della depressione maggiore resistente.

[modifica] CONTROINDICAZIONI

  • Ipersensibilità al principio attivo
  • Pazienti a rischio noto di glaucoma

[modifica] POSOLOGIA

Compresse:

  • Schizofrenia e prevenzione degli episodi maniacali: Il dosaggio iniziale raccomandato è di 10 mg al giorno
  • Trattamento di episodi maniacali negli adulti affetti da disturbo bipolare: Il dosaggio iniziale raccomandato è di 15 mg al giorno, a meno che non venga usata in associazione ad altri farmaci, nel qual caso la dose iniziale può essere di 10 mg al giorno.

Il dosaggio deve essere aggiustato a seconda della risposta del paziente e del suo grado di tolleranza della terapia. La dose abituale varia tra 5 e 20 mg al giorno.

Pazienti con più di 65 anni di età o con funzione epatica o renale ridotta: Ridurre il dosaggio iniziale a 5 mg al giorno.

[modifica] AVVERTENZE

[modifica] INTERAZIONI

  • Diazepam: Può potenziare l'ipotensione ortostatica.
  • Alcool: Può potenziare l'ipotensione ortostatica.
  • Carbamazepina: carbamazepina, un induttore del CYP1A2, determina un incremento di circa il 50% della clearance di olanzapina
  • Fluvoxamina : fluvoxamina, un inibitore del CYP1A2, può aumentare i livelli di olanzapina.
  • l'Olanzapina deve essere usata cautela nei pazienti che consumano alcool o ricevono medicinali che possono causare depressione del SNC.
  • Antipertensivi: a causa del suo potenziale di indurre ipotensione, l'Olanzapina può aumentare l'effetto di alcuni farmaci antipertensivi
  • Levodopa e agonisti dopaminergici: si ritiene che l'Olanzapina possa antagonizzare l'effetto della levodopa e degli agonisti dopaminergici.

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

Possibili effetti collaterali:

  • Vertigini
  • Blocco dei recettori istaminici H1: Sedazione e sonnolenza
  • Aumento ponderale (tra gli antipsicotici atipici l'olanzapina insieme alla Clozapina sono quelli associati alla più alta incidenza di aumento ponderale)
  • Sintomi extrapiramidali: L'antagonismo dei recettori della dopamina è associato con effetti extrapiramidali, quali discinesie tardive ma con incidenza inferiore rispetto al trattamento con antipsicotici tipici (es. Aloperidolo). La discinesia tardiva è un disturbo del movimento che compare dopo trattamento cronico con farmaci neurolettici, si tratta di movimenti involontari del viso e degli arti che si verificano ripetitivamente.
  • Antagonismo per i recettori muscarinici: Secchezza delle bocca, stipsi, ritenzione urinaria. Si consiglia cautela nella prescrizione a pazienti con ipertrofia prostatica, ileo paralitico e patologie correlate.
  • Blocco dei recettori α1 adrenergici: Ipotensione ortostatica
  • Aumenta il rischio di diabete e dislipidemia
  • Modesti aumenti dei livelli ematici di prolattina
  • sindrome neurolettica maligna (Raramente)

[modifica] LINK CORRELATI

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social