Lamivudina

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Clicca su "►" per espandere:

SPECIALITÀ[modifica]

LAMIVUDINA:


LAMIVUDINA/ZIDOVUDINA:


ABACAVIR/LAMIVUDINA:


ABACAVIR/LAMIVUDINA/ZIDOVUDINA:

STRUTTURA[modifica]

Lamivudina.jpg

3TC (3-tio-citosina)

MECCANISMO D’AZIONE[modifica]

La lamivudina (1995), è un agente antivirale appartenente alla classe degli Analoghi nucleosidici inibitori della trascrittasi inversa (NRTI). Questa classe include la Zidovudina (AZT), Didanosina (ddI), Stavudina (d4T), Lamivudina (3TC), Abacavir (solfato) (ABC), Tenofovir (disoproxil fumarato) (TDF) ed Emtricitabina (FTC). Spesso questi farmaci vengono dati assieme per evitare la resistenza virale.

La Lamivudina è un analogo della citosina. Viene metabolizzata all'interno delle cellule nella parte attiva, la lamivudina 5'-trifosfato.

Lalamivudina 5'-trifosfato agisce entrando in competizione con la desossicitidina trifosfato, interrompendo la catena nucleotidica durante la trascrizione inversa virale dell’HIV. La Lamivudina ha una elevata biodisponibilità e viene escreta principalmente in forma inalterata.

Sebbene meno potente della Zidovudina (AZT), la lamivudina ha una citotossicità molto bassa e non causa neuropatia periferica.

Lo svantaggio di questo farmaco è la resistenza da parte del virus associata con la mutazione nel codone 184 del gene della trascrittasi inversa.

La Lamivudina è attiva anche contro il virus dell’epatite B

INDICAZIONI[modifica]

  • Trattamento dell'epatite cronica B (farmaco non di prima scelta) in associazione con altri farmaci antivirali (Per l'elevata probabilità dello sviluppo di resistenze)
  • In associazione con altri farmaci antivirali (Zidovudina ed Abacavir) per il trattamento di pazienti affetti dal virus dell’immunodeficienza umana (HIV). Lamivudina non cura l'infezione ma ritarda il danno a carico del sistema immunitario e la comparsa di altre infezioni e complicanze associate a questa infezione.

CONTROINDICAZIONI[modifica]

  • Ipersensibilità al principio attivo

POSOLOGIA[modifica]

  • Epatite cronica B: 100 mg al giorno. la durata ottimale del trattamento non è nota.
  • Infezione da HIV:
    • Pazienti di età superiore a 12 anni, 300 mg al giorno in unica somministrazione oppure divisa in 150 mg due volte al giorno.
    • Bambini 1-4 settimane :2 mg/kg due volte al giorno
    • Bambini ed adolescenti di 1 mese-12 anni: 4mg/kg due volte al giorno

AVVERTENZE[modifica]

INTERAZIONI[modifica]

EFFETTI COLLATERALI[modifica]

I più comuni: Nausea, vomito, diarrea,crampi addominali, mal di testa, insonnia, tosse, insonnia, tosse, eruzione cutanea, dolori muscolari, dolori articolari, alopecia , febbre, malessere e stanchezza

LINK CORRELATI[modifica]