^ TORNA SU

Etinilestradiolo/Gestodene

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

Etinilestradiolo / Gestodene

  • Arianna 24 cpr gialle 0,015 mg+0,06 mg e 4 cpr bianche placebo
  • Estinette 21 cpr 0,02 mg+0,075 mg, 63 cpr 0,02 mg+0,075 mg, 126 cpr 0,02 mg+0,075 mg
  • Etinilestradiolo Gestodene generico 21 cpr 0,02 mg+0,075 mg
  • Fedra 21 cpr 0,02 mg+0,075 mg
  • Femodette 21 cpr 0,02 mg+0,075 mg
  • Gestodiol 21 cpr 0,02 mg+0,075 mg , 21 cpr 0,03 mg+0,075 mg
  • Ginoden 21 cpr 0,03 mg+0,075 mg
  • Harmonet 21 cpr 0,02 mg+0,075 mg
  • Kipling 21 cpr 0,03 mg+0,075 mg
  • Liuda 21 cpr 0,03 mg+0,075 mg
  • Milvane 21 cpr divise in: 6 cpr beige 0.03mg+0.05mg , 5 cpr marrone 0.04mg+0.07mg , 10 cpr bianche 0,03mg+0,1mg
  • Minesse 24 cpr gialle 0,015 mg+0,06 mg e 4 cpr bianche placebo
  • Minigeste 21 cpr 0,02 mg+0,075 mg
  • Minulet 21 cpr 0,03 mg+0,075 mg
  • Triminulet 21 cpr divise in: 6 cpr beige 0.03mg+0.05mg , 5 cpr marrone 0.04mg+0.07mg , 10 cpr bianche 0,03mg+0,1mg

[modifica] STRUTTURA

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

L’etinilestradiolo e’ un estrogeno largamento usato nei contraccettivi in associazione di un progestinico che in questo caso è il Gestodene (Progestinico di terza generazione)

Il ciclo mestruale e’ regolato dalla funzione dell’asse ipotalamo-ipofisi e ovaio. A livello dell’ipotalamo viene rilasciato in modo pulsatile il GnRH. Questo agisce sull’ipofisi inducendo la produzione ed il rilascio, sempre in modo pulsatile, delle gonadotropine (FSH ed LH), le quali vanno poi a stimolare la funzione delle ovaie:

L’FSH regola la crescita e la maturazione dei follicoli ovarici e la produzione di estrogeni da parte delle cellule della teca follicolare.

L’LH stimola la produzione di progesterone e Il pico di L’LH a meta’ ciclo stimola l'ovulazione.

La somministrazione dell’etinilestradiolo insieme ad un progestinico garantisce la contraccezione inibendo per un fenomeno di feedback negativo il rilascio del GnRH ipotalamico e di conseguenza anche delle gonadotropine ipofisarie prevenendo quindi il picco di LH fondamentale per l’ovulazione.

La presenza nella preparazione contraccettiva del Gestodene, un progestinico di 3° generazione che rispetto al levonorgestrel (progestinico di seconda generazione) ha una maggior azione progestinica e un minor effetto androgenico serve, oltre a mantenere l’effetto di inibizione sulla liberazione dell’LH, a rendere il muco cervicale piu’ denso impedendo il passaggio degli spermatozoi nell’utero e l’endometrio inadatto all’annidamento embrionale.

[modifica] INDICAZIONI

Contraccezione orale

[modifica] CONTROINDICAZIONI

I contraccettivi orali combinati non devono essere utilizzati nelle condizioni sotto elencate. Inoltre l’uso di un contraccettivo orale deve essere interrotto immediatamente in caso sopraggiunga una di queste situazioni:

  • Disturbi, presenti o pregressi, della circolazione venosa ed arteriosa, in particolare quelli correlati a trombosi. La trombosi è la formazione di un coagulo di sangue che può verificarsi nei vasi sanguigni delle gambe (trombosi venosa profonda), dei polmoni (embolia polmonare), del cuore (infarto cardiaco), del cervello (ictus) o di altra parte del corpo.
  • Condizioni, presenti o pregresse, che possono rappresentare un primo segno di attacco cardiaco (quali angina pectoris o dolore al petto) o di ictus (quali attacco ischemico transitorio).
  • Predisposizione ereditaria o acquisita per trombosi venosa o arteriosa
  • Anamnesi di emicrania accompagnata da sintomi neurologici focali.
  • Pancreatite o sua anamnesi se associata con grave ipertrigliceridemia.
  • Diabete mellito con lesione dei vasi sanguigni.
  • Ittero (ingiallimento della cute) o grave malattia epatica, presente o pregressa.
  • Tumore del seno o degli organi genitali, presente o pregresso.
  • Tumore epatico benigno o maligno, presente o pregresso.
  • Emorragia vaginale di origine sconosciuta.
  • Gravidanza accertata o presunta.
  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
  • Associazione con Ritonavir

[modifica] POSOLOGIA

  • Confezioni da 21 compresse: Assumere a partire dal primo giorno delle mestruazioni una compressa al giorno per 21 giorni, interrompere per un intervallo di 7 giorni durante il quale si verificano le mestruazioni per poi reniziare con una nuova scatola.
  • Confezioni da 28 compresse (Arianna e Minesse): Assumere a partire dal primo giorno delle mestruazioni una compressa al giorno per 28 giorni, l’assunzione della confezione successiva va ripresa il giorno dopo l’ultima compressa della confezione precedente.

[modifica] AVVERTENZE e PRECAUZIONI

  • Prima di iniziare o ricominciare ad assumere la pillola combinata si consiglia di effettuare un’accurata visita medica (controllo della pressione arteriosa, esame delle mammelle, dell'addome e ginecologico generale compreso un Pap-test e relative analisi del sangue).
  • è consigliabile effettuare periodiche visite di controllo, almeno una volta l'anno, durante l'impiego della pillola combinata.
  • La pillola non protegge nei confronti dell’infezione da HIV
  • In presenza di una qualunque delle condizioni seguenti, Il medico potrebbe consigliare un metodo di contraccezione non ormonale oppure sarà necessaria una stretta sorveglianza da parte del medico: Fumo; diabete; sovrappeso; ipertensione; vizi valvolari cardiaci o alcuni disturbi del ritmo cardiaco; flebite superficiale (infiammazione venosa); vene varicose; emicrania; depressione; epilessia; livelli elevati di colesterolo e trigliceridi nel sangue, presenti o pregressi, anche in familiari prossimi; noduli al seno; precedenti, in familiari prossimi, di tumore mammario; malattie del fegato o della colecisti; malattia di Crohn o colite ulcerosa (malattia infiammatoria cronica dell’intestino); lupus eritematoso sistemico (patologia che colpisce la cute di tutto il corpo); sindrome emolitico-uremica (disturbo della coagulazione del sangue che provoca insufficienza renale); anemia a cellule falciformi; porfiria; cloasma, presente o pregresso (chiazze sulla pelle a pigmentazione bruno-giallognola, in particolare sul viso). In tal caso, evitare l’esposizione prolungata al sole o ai raggi ultravioletti; herpes gestationis pregresso; alcune condizioni patologiche caratterizzate da resistenza alla Proteina C Attivata, iperomocisteinemia, deficit di antitrombina III, deficit di proteina C, deficit di proteina S, sindrome da anticorpi antifosfolipidici (anticorpi anticardiolipina, lupus anticoagulante), che predispongono all'insorgenza di trombosi venosa o arteriosa; corea di Sydenham (disturbo del sistema nervoso centrale); perdita dell'udito da otosclerosi.

[modifica] INTERAZIONI

  • Iperico: Preparazioni a base di Iperico non dovrebbero essere assunte in concomitanza con la pillola combinata a causa del rischio di un decremento dei livelli plasmatici e di diminuzione dell'efficacia terapeutica della pillola.

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

Effetti collaterali comuni (riscontrati in più di 1 tra 100, ma in meno di 1 tra 10 donne): Mal di testa, nervosismo, scarsa tolleranza alle lenti a contatto, disturbi della vista, nausea, acne, emicrania, aumento ponderale, ritenzione di liquidi, sanguinamento ed emorragia intermestruale possono talvolta manifestarsi nei primi mesi, per poi scomparire non appena il corpo si è adattato alla pillola.

Effetti collaterali non comuni (riscontrati in più di 1 tra 1.000, ma in meno di 1 tra 100 donne): Eccesso di lipidi nel sangue, vomito, ipertensione.

Effetti collaterali rari (riscontrati in più di 1 tra 10.000, ma in meno di 1 tra 1.000 donne): Patologie epatiche, patologie della cute e del tessuto sottocutaneo (lupus eritematoso), patologie dell’ orecchio medio, calcoli biliari, trombosi (formazione di trombi nei vasi sanguigni), disturbi della pigmentazione. L’effetto può essere ridotto evitando di esporsi troppo alla luce solare. Alterata secrezione vaginale.

Effetti collaterali molto rari (riscontrati in meno di 1 tra 10.000 donne): Disturbi motori, affezione del pancreas.

[modifica] LINK CORRELATI

  • [[]]

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social