^ TORNA SU

Diclofenac

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

DICLOFENAC:

DICLOFENAC/MISOPROSTOLO:

[modifica] STRUTTURA

Diclofenac.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

è una molecola con spiccata attività analgesica, antinfiammatoria e antipiretica. L'inibizione della biosintesi delle prostaglandine mediante l'inibizione della cicloossigenasi (COX) viene considerata come parte preponderante del suo meccanismo d'azione. Le prostaglandine, infatti, giocano un ruolo importante nella patogenesi dell'infiammazione, del dolore e della febbre.

L'enzima cicloossigenasi possiede due diverse forme, denominate COX 1 e COX 2, la prima regola la sintesi delle prostaglandine in condizioni fisiologiche ed è in grado di proteggere il tratto gastrointestinale e di mantenere la normale funzionalità renale e piastrinica, mentre la seconda viene prodotta nelle sedi in cui si verifica una infiammazione.(isoforma inducibile)

il Diclofenac blocca sia la COX 1 ,sia la COX 2, ma communque ha una maggiore selettività nei confronti della COX 2.

[modifica] INDICAZIONI

  • Compresse: Dolori di varia natura quali dolori alle articolazioni, lombaggini, dolori muscolari, mal di testa e di denti, dolori mestruali. Flogosi ed edemi di origine post traumatica
  • Fiale: è indicato invece nel trattamento sintomatico degli episodi dolorosi acuti in corso di affezioni infiammatorie dell'apparato muscolo-scheletrico e di spasmi della muscolatura liscia.
  • Gel e cerotti transdermici: Per il trattamento locale di stati dolorosi e flogistici di natura reumatica o traumatica delle articolazioni, dei muscoli, dei tendini e dei legamenti
  • Collirio: Stati infiammatori, eventualmente dolorosi e non su base infettiva, a carico del segmento anteriore dell'occhio, in particolare per interventi di cataratta.
  • Collutorio: Trattamento sintomatico di stati irritativo-infiammatori anche associati a dolore del cavo orofaringeo (ad es. gengiviti, stomatiti, faringiti), anche in conseguenza di terapia dentaria conservativa o estrattiva.

[modifica] CONTROINDICAZIONI

[modifica] POSOLOGIA

[modifica] AVVERTENZE

[modifica] INTERAZIONI

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

[modifica] LINK CORRELATI

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social