^ TORNA SU

Colecalciferolo

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:

il colecalciferolo (Vitamina D3) è la forma inattiva e non idrossilata della vitamina D

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

COLECALCIFEROLO: (Vitamina D3)

  • Dibase
    • 10.000 U.I. /ml gocce orali, soluzione
    • 25.000 U.I. /2,5 ml soluzione orale
    • 100.000 U.I. /1 ml soluzione iniettabile
    • 300.000 U.I. /1 ml soluzione iniettabile
  • Xarenel 10.000 U.I. /ml gocce orali


COLECALCIFEROLO/RETINOLO (Vitamina D3 e Vitamina A)

  • Adisterolo
    • 10.000UI/ml +10.000UI/ml gocce orali
    • 100.000 UI/ml + 20.000 UI/ml soluzione orale ed iniettabile per uso intramuscolare
    • 300.000 UI / ml + 20.000 UI / ml soluzione orale ed iniettabile per uso intramuscolare


COLECALCIFEROLO/RETINOLO/ACIDO ASCORBICO: (Vitamina D3 , Vitamina A e Vitamina C)

[modifica] STRUTTURA

Colecalciferolo.png

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

Il Colecalciferolo, chiamato anche vitamina D3 è la forma inattiva e non idrossilata della vitamina D.

Il colecalciferolo per diventare attivo, deve essere metabolizzato , il suo primo metabolita si forma a livello epatico e si chiama Calcidiolo o anche 25-idrossicolecalciferolo (principale forma circolante di vitamina D) , la seconda metabolizzazione avviene a livello renale attraverso una nuova idrossilazione e determina la formazione dell’Calcitriolo chiamato anche 1,25 diidrossicolecalciferolo o anche 1,25 (OH)2D3 , forma biologicamente attiva della vitamina D che agisce principalmente aumentando l’assorbimento intestinale di calcio, ma esercita anche un effetto diretto sui reni aumentando la ritenzione di calcio e fosfati mediante un riassorbimento tubulare.

Il colecalciferolo non metabolizzato viene accumulato nei tessuti adiposi e muscolari per essere reso disponibile in funzione del fabbisogno dell’organismo: per questo motivo può essere somministrato anche a cadenza settimanale, mensile o annuale.

[modifica] INDICAZIONI

  • In combinazione con il calcio nella prevenzione e trattamento dell'osteoporosi postmenopausale o di quella indotta da corticosteroidi.
  • Rachitismo
  • Osteomalacia
  • Ipocalcemia e osteodistrofia da insufficienza renale con emodialisi prolungata
  • Ipocalcemia del neonato prematuro o come coadiuvante nei bambini allattati al seno, perché il latte materno di solito ha bassi livelli di vitamina D.
  • Ipoparatiroidismo
  • Donne in gravidanza (nell’ultimo trimestre)

[modifica] CONTROINDICAZIONI

la vitamina D3 è controindicata in caso di:

  • Ipersensibilità al colecalciferolo
  • Ipercalcemia, ipercalciuria.
  • Calcolosi renale (nefrolitiasi, nefrocalcinosi).
  • Insufficienza renale

[modifica] POSOLOGIA

  • Dibase: Prevenzione della carenza di vitamina D in Adulti e Anziani
    • Gocce orali 10000UI/ML: 3-4 gocce al giorno oppure 20 gocce una volta alla settimana. In soggetti ad alto rischio di carenza può essere necessario aumentare il dosaggio fino a 8 gocce al giorno.
    • Soluzione orale da 25.000 U.I./2,5 ml: 1 flaconcino monodose una volta al mese. In soggetti ad alto rischio di carenza può essere necessario aumentare il dosaggio a 2 flaconcini monodose.
    • Soluzione iniettabile da 100.000 U.I. /1ml: 1 fiala ogni quattro-sei mesi per via orale o intramuscolare. In soggetti ad alto rischio di carenza può essere necessario aumentare il dosaggio a 1 fiala ogni 2 mesi.
    • Soluzione iniettabile da 300.000 U.I. /1ml: 1 fiala una volta all'anno per via orale o intramuscolare. In soggetti ad alto rischio di carenza può essere necessario aumentare il dosaggio a 1 fiala ogni 6 mesi.

[modifica] AVVERTENZE

[modifica] INTERAZIONI

  • Diuretici tiazidici: I diuretici tiazidici riducono l’eliminazione urinaria del calcio, è raccomandato il controllo delle concentrazioni sieriche di calcio.
  • L’uso concomitante di glucocorticosteroidi può ridurre l’effetto della vitamina D3.
  • In caso di trattamento con farmaci contenenti la digitale (Digossina), la somministrazione orale di calcio combinato con la vitamina D aumenta il rischio di tossicità della digitale (aritmia). È pertanto richiesto lo stretto controllo del medico e, se necessario, il monitoraggio elettrocardiografico e delle concentrazioni sieriche di calcio.
  • Un concomitante uso di antiacidi contenenti alluminio può interferire con l'efficacia del farmaco, diminuendo l’assorbimento della vitamina D, mentre preparati contenenti magnesio possono esporre al rischio di ipermagnesiemia.
  • La colestiramina e l’orlistat riducono l'assorbimento della vitamina D.

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

[modifica] LINK CORRELATI

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social