^ TORNA SU

Carnitina

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

LEVOACETILCARNITINA: (Acetil L-Carnitina)

  • Branigen
    • 500 mg COMPRESSE GASTRORESISTENTI
    • 308 mg/mL POLVERE PER SOLUZIONE ORALE
    • 500 mg/4 mL POLVERE E SOLVENTE PER SOLUZIONE INIETTABILE
  • Nicetile
    • 500 mg compresse gastroresistenti
    • 308 mg/mL polvere per soluzione orale
    • 500 mg polvere per soluzione orale
    • 500 mg/4 mL polvere e solvente per soluzione iniettabile
  • Normobren 500 mg compresse.
  • Zibren
    • 500 mg compresse gastroresistenti
    • 308 mg/mL polvere per soluzione orale
    • 500 mg polvere per soluzione orale
    • 500 mg/4 mL polvere e solvente per soluzione iniettabile

LEVOCARNITINA:

  • Carnitene 1g 10 compresse masticabili, 1g/10ml flaconcini orali, 2g/10ml flaconcini orali, 1g/5ml fiale iniettabili, 2g/5ml fiale iniettabili
  • Dromos 500mg 30cpr, 300mg ev 10fl+10f (L-Propionil Carnitina)

LEVOCARNITINA/COBAMAMIDE:

[modifica] STRUTTURA

File:Carnitina.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

La Carnitina è un costituente naturale delle cellule nelle quali svolge un ruolo fondamentale nella utilizzazione dei substrati lipidici e nella produzione e nel trasporto dell'energia. La carnitina è, infatti, l’unico “carrier” utilizzabile dagli acidi grassi a lunga catena per attraversare la membrana interna mitocondriale ed essere avviati verso la beta-ossidazione.

La L-Acetilcarnitina, strutturalmente simile all’acetilcolina, viene sintetizzata per acetilazione reversibile dalla carnitina a livello mitocondriale tramite l’enzima L-Acetilcarnitina transferasi e rappresenta una forma di immagazzinamento di gruppi acetilici che possono essere associati con il Coenzima A, necessario ad innescare il ciclo di Krebs, intervenendo quindi sia nel metabolismo degli acidi grassi che dei glucidi. Prove in vitro hanno evidenziato la possibilità che la L-Acetilcarnitina possa partecipare alla formazione di acetilcolina che risulta coinvolto nei processi di memorizzazione ed attenzione, in situazioni di carenza di gruppi acetilici da alterato metabolismo glucidico, quale si può verificare in patologia come conseguenza di ipossia o nell’invecchiamento.

[modifica] INDICAZIONI

[modifica] CONTROINDICAZIONI

[modifica] POSOLOGIA

[modifica] AVVERTENZE

[modifica] INTERAZIONI

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

[modifica] LINK CORRELATI

  • [[]]

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social