^ TORNA SU

Calcipotriolo/Betametasone

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

[modifica] STRUTTURA

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

Il Calcipotriolo è un analogo sintetico della vitamina D che agisce inibendo la proliferazione dei cheratinociti psoriasici e stimola la loro corretta differenziazione.

il Betametasone, come altri corticosteroidi topici, ha attività anti-infiammatoria, anti-pruriginosa, vasocostrittiva ed immunosoppressiva.

[modifica] INDICAZIONI

  • Trattamento topico della psoriasi a placche della cute e del cuoio capelluto. Non applicare il prodotto sulla cute del viso e dei genitali perche sono molto sensibile ai corticosteroidi.

[modifica] CONTROINDICAZIONI

  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti
  • Pazienti con pregressi disturbi del metabolismo del calcio

[modifica] POSOLOGIA

Applicato sulle aree affette una volta al giorno. L’area trattata non deve superare il 30% della superficie corporea

[modifica] AVVERTENZE

  • Superando le dosi consigliate (100 g a settimana) si può verificare ipercalcemia, che tuttavia, si normalizza rapidamente con la sospensione del trattamento.
  • Se sono presenti alti livelli di vitamina D o ipercalcemia o ipercalciuria o una storia pregressa di calcolosi renale, l’uso del calcipotriolo può aumentare la possibilità di formazione di calcoli renali.
  • Limitare o evitare l’eccessiva esposizione alla luce solare, naturale o artificiale

[modifica] INTERAZIONI

Nessuna

[modifica] GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

  • Gravidanza: Il rischio potenziale per il genere umano non è noto. Pertanto, durante la gravidanza la combinazione Calcipotriolo/Betametasone per uso topico deve essere utilizzata solo quando il possibile beneficio giustifichi il potenziale rischio.
  • Allattamento: Il betametasone viene escreto nel latte materno, ma alle dosi terapeutiche si ritiene che il rischio di insorgenza di effetti indesiderati nel lattante sia improbabile. Non vi sono dati circa l'escrezione del calcipotriolo nel latte materno. Il medico deve usare cautela nel prescrivere la combinazione Calcipotriolo/Betametasone per uso topico alle donne durante il periodo di allattamento al seno.

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

Effetti collaterali più comuni sono: Prurito, eruzione cutanea, sensazione di bruciore della cute e follicoliti.

Sono stati riportati effetti di rebound al termine del trattamento, ma la loro frequenza non è nota

[modifica] LINK CORRELATI

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social