^ TORNA SU

Brimonidina

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

Brimonidina:


Timololo / Brimonidina:

[modifica] STRUTTURA

Brimonidina.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

Uso oftalmico: La Brimonidina e' un alfa 2 agonista altamente selettivo. Si ritiene che la brimonidina riduca la pressione intraoculare aumentando il deflusso uveosclerale e riducendo la produzione di umore acqueo.

Uso dermatologico: La rosacea è un’alterazione che interessa prevalentemente la cute del viso. Tra i suoi sintomi si annoverano episodi di arrossamento che sono stati messi in relazione con la dilatazione dei piccoli vasi sanguigni che irrorano la cute del viso.
L'applicazione cutanea facciale di Brimonidina attiva i recettori alfa2-adrenergici presenti sulle cellule dei vasi sanguigni della cute. In questo modo provoca un restringimento dei vasi sanguigni, che riduce l’afflusso di sangue al viso, diminuendo così l’arrossamento.

[modifica] INDICAZIONI

  • Collirio: Riduzione della pressione intraoculare in pazienti con glaucoma ad angolo aperto o ipertensione oculare:
    • Come monoterapia in pazienti per i quali è controindicata una terapia topica con beta-bloccanti.
    • Come terapia aggiuntiva ad altri farmaci che abbassano la pressione intraoculare quando l’obiettivo PIO non è raggiunto con un singolo principio attivo
  • Gel faciale: Trattamento sintomatico dell'eritema facciale da rosacea in pazienti adulti

[modifica] CONTROINDICAZIONI

  • Ipersensibilità al principio attivo.
  • Neonati e bambini.
  • Pazienti sottoposti a terapia con inibitori delle monoamino ossidasi (MAO) e pazienti trattati con antidepressivi che agiscono sulla trasmissione noradrenergica (es. antidepressivi triciclici e mianserina).

[modifica] POSOLOGIA

Dosaggio raccomandato negli adulti (inclusi gli anziani): una goccia nell’occhio(i) colpito(i) due volte al giorno, a distanza di circa 12 ore. Al fine di ridurre un possibile assorbimento sistemico, si raccomanda di comprimere il sacco lacrimale a livello del canthus mediale (occlusione puntale) per un minuto. Questo dovrebbe essere eseguito immediatamente dopo l’istillazione di ogni goccia. In caso di utilizzo di più di un farmaco oftalmico topico, i diversi farmaci devono essere instillati a distanza di 5-15 minuti.

[modifica] METABOLISMO

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

Cefalea, sonnolenza, affaticamento, secchezza della bocca, dolore e arrossamento oculare intensi.

[modifica] LINK CORRELATI

Glaucoma
Alfa agonisti Apraclonidina (Iopidine)   Brimonidina (Alphagan)   Clonidina (Isoglaucon )
Analoghi delle prostaglandine Bimatoprost (Lumigan)   Latanoprost (Iopize, Xalatan)   Tafluprost (Saflutan)   Travoprost (Travatan)
Betabloccanti Betaxololo (Betoptic)   Carteololo (Carteabak, Carteol, Fortidose, Fortinol)   Levobunololo (Vistagan)   Timololo (Droptimol, Ialutim, Timogel, Timolabak, Timoptol...)
Parasimpaticomimetici (Agonisti muscarinici) Aceclidina   Pilocarpina (Dropilton)
Alfa agonisti Apraclonidina (Iopidine)   Brimonidina (Alphagan)   Clonidina (Isoglaucon )
Inibitori dell'anidrasi carbonica Acetazolamide (Diamox)   Brinzolamide (Azopt)   Dorzolamide (Trusopt)
Combinazioni Timololo/Aceclidina (Glautimol)   Timololo/Pilocarpina (Equiton)   Timololo/Brimonidina (Combigan)   Timololo/Brinzolamide (Azarga)   Timololo/Dorzolamide (Cosopt)   Timololo/Bimatoprost (Ganfort)   Timololo/Latanoprost (Droplacomb, Xalacom)   Timololo/Travoprost (Duotrav)

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social