^ TORNA SU

Moxifloxacina

Da Wikifarmaco.
(Reindirizzamento da Avalox)
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:
Clicca su "►" per espandere:

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

[modifica] STRUTTURA

Moxifloxacina.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

Moxifloxacina è un fluorochinolone, appartiene ai chinoloni di quarta generazione.

I Chinoloni sono agenti antibatterici di sintesi ad azione battericida. I loro bersagli sono l’enzima batterico DNA girasi e la Topoisomerasi IV.

L’inibizione della DNA girasi da parte dei Chinoloni specialmente nei batteri Gram-negativi comporta la perdita da parte del batterio della capacità di replicazione del DNA, infatti la girasi effettua un taglio sulla doppia elica del DNA, fondamentale al fine di consentirne la replicazione o la trascrizione.

La topoisomerasi IV invece rappresenta il principale bersaglio dei chinoloni nei batteri Gram +. Essa separa le molecole di DNA figlie prodotte in seguito alla sua duplicazione, i Chinoloni bloccano questa separazione.

Le cellule eucariotiche (Mammiferi) non contengono ne DNA girasi e ne DNA topoisomerasi IV , ma un enzima simile chiamata DNA topoisomerasi II. I chinoloni dimostrano di avere bassa affinità per questa isoforma a dosaggi terapeutici.

[modifica] INDICAZIONI

  • Per via orale, per il trattamento delle infezioni sostenute da batteri sensibili alla moxifloxacina:
    • Bronchiti croniche (S. pneumoniae, Stafilococchi, H. influezae)
    • Polmoniti acquisite in comunità (S. pneumoniae, H. influezae, Moraxella catarrhalis, Mycoplasma pneumoniae, Legionella pneumofila)
    • Sinusiti acute batteriche (S.pneumoniae, H. influezae)
  • Collirio: Trattamento topico della congiuntivite batterica causata da ceppi sensibili alla moxifloxacina

[modifica] CONTROINDICAZIONI

  • Ipersensibilità alla Moxifloxacina oppure ad altri chinoloni.
  • La Moxifloxacina non deve essere usata in pazienti con affezioni tendinee insorte dopo un precedente uso di chinoloni.
  • Pazienti epilettici.
  • Gravidanza e allattamento.
  • Bambini o adolescenti di età inferiore ai 18 anni
  • Pazienti con ridotta funzionalità epatica

[modifica] POSOLOGIA

400 mg una volta al giorno indipendentemente dai pasti per 5-10 giorni secondo la gravità dell'infezione.

[modifica] EMIVITA

12 ore

[modifica] LEGAME CON LE PROTEINE PLASMATICHE (%)

50

[modifica] AVVERTENZE

[modifica] INTERAZIONI

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

  • In corso di terapia con chinoloni, compresa la moxifloxacina, può verificarsi raramente tendinite che coinvolge nella maggior parte dei casi il tendine di Achille, e ancora più raramente la rottura atraumatica del tendine, che sembra essere maggiore nei pazienti anziani e in pazienti trattati contemporaneamente con corticosteroidi.
  • Reazioni allergiche e di ipersensibilità che possono progredire fino allo shock mettendo il paziente in pericolo di vita.
  • Fotosensibilizzazione è quindi opportuno evitare l’esposizione ai raggi UV e alla luce solare intensa.
  • Sono stati segnalati casi di epatite fulminante
  • Può provocare convulsioni (Abbassa la soglia convulsiva)
  • Colite pseudomembranosa (grave diarrea durante o dopo l’uso)

[modifica] LINK CORRELATI

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social