^ TORNA SU

Apraclonidina

Da Wikifarmaco.
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

[modifica] STRUTTURA

Apraclonidina.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

L' apraclonidina è un derivato della clonidina, dalla quale differisce semplicemente per l' aggiunta di un gruppo amminico NH2 sull' anello benzenico.

L’aggiunta del gruppo amminico aumenta la ionizzazione a pH fisiologico e ha reso l’apraclonidina assai meno lipofila rispetto alla clonidina e cosi passa con maggior difficoltà la cornea e la barriera emato-encefalica provocando minori effetti collaterali sistemici (Cardiovascolari)

E’ un alfa 2 agonista relativamente selettivo ma provoca anche un’attivazione dei recettori alfa 1.

L’apraclonidina riduce la pressione endoculare per riduzione della formazione dell'umore acqueo.

[modifica] INDICAZIONI

  • Prevenzione o trattamento dell'elevazione della pressione intraoculare post-laser e postoperatoria.
  • come terapia aggiuntiva a breve termine del glaucoma cronico nei pazienti in trattamento con la massima terapia medica tollerata e che necessitano di un'ulteriore riduzione della pressione intraoculare per ritardare il trattamento chirurgico o laser del glaucoma

[modifica] CONTROINDICAZIONI

[modifica] POSOLOGIA

Una goccia tre volte al giorno. l'inizio d'azione viene osservata entro un'ora dalla somministrazione e la massima riduzione della pressione endoculare si manifesta di solito entro tre a cinque ore.

Dal momento che è possibile riscontrare una perdita di efficacia nel tempo, si raccomanda una terapia massima di un mese anche se alcuni pazienti hanno avuto beneficio con trattamenti per periodi superiori.

[modifica] AVVERTENZE

[modifica] INTERAZIONI

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

  • è associata allo sviluppo di blefarocongiuntivite allergica

[modifica] LINK CORRELATI

Glaucoma
Alfa agonisti Apraclonidina (Iopidine)   Brimonidina (Alphagan)   Clonidina (Isoglaucon )
Analoghi delle prostaglandine Bimatoprost (Lumigan)   Latanoprost (Iopize, Xalatan)   Tafluprost (Saflutan)   Travoprost (Travatan)
Betabloccanti Betaxololo (Betoptic)   Carteololo (Carteabak, Carteol, Fortidose, Fortinol)   Levobunololo (Vistagan)   Timololo (Droptimol, Ialutim, Timogel, Timolabak, Timoptol...)
Parasimpaticomimetici (Agonisti muscarinici) Aceclidina   Pilocarpina (Dropilton)
Alfa agonisti Apraclonidina (Iopidine)   Brimonidina (Alphagan)   Clonidina (Isoglaucon )
Inibitori dell'anidrasi carbonica Acetazolamide (Diamox)   Brinzolamide (Azopt)   Dorzolamide (Trusopt)
Combinazioni Timololo/Aceclidina (Glautimol)   Timololo/Pilocarpina (Equiton)   Timololo/Brimonidina (Combigan)   Timololo/Brinzolamide (Azarga)   Timololo/Dorzolamide (Cosopt)   Timololo/Bimatoprost (Ganfort)   Timololo/Latanoprost (Droplacomb, Xalacom)   Timololo/Travoprost (Duotrav)

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social