^ TORNA SU

Pemetrexed

Da Wikifarmaco.
(Reindirizzamento da Alimta)
Avvertenze.png
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Clicca su "►" per espandere:
Taxani

Indice

[modifica] SPECIALITÀ

[modifica] STRUTTURA

File:Pemetrexed.jpg

[modifica] MECCANISMO D’AZIONE

Pemetrexed, è un farmaco citotossico, appartenente al gruppo degli antimetaboliti.

Nell’organismo, Pemetrexed viene convertito in una forma attiva che blocca l’attività degli enzimi coinvolti nella produzione dei nucleotidi (elementi costitutivi di DNA ed RNA, il materiale genetico delle cellule). Di conseguenza, la forma attiva di Pemetrexed rallenta la formazione del DNA e dell’RNA ed evita la divisione e la moltiplicazione delle cellule.

La conversione di Pemetrexed nella sua forma attiva avviene più rapidamente nelle cellule tumorali che in quelle normali; per tale motivo, nelle cellule tumorali si hanno concentrazioni maggiori della forma attiva del farmaco e un’azione più prolungata. La divisione delle cellule tumorali viene pertanto ridotta, mentre le cellule normali vengono colpite solo in minima parte.


Più specificamente, Pemetrexed è un antifolato che esplica la sua azione interferendo sui processi metabolici fondamentali folato-dipendenti essenziali per la replicazione cellulare. Esso agisce inibendo la timidilato sintetasi (TS), la diidrofolato reduttasi (DHFR) e la glicinamide-ribonucleotide-formil transferasi (GARFT) che sono enzimi chiave folato-dipendenti per la biosintesi de novo dei nucleotidi timidina e purina.

Il pemetrexed è trasportato all’interno delle cellule sia per mezzo del carrier del folato ridotto che dai sistemi di trasporto delle proteine di membrana leganti il folato. Una volta all’interno della cellula, il pemetrexed è rapidamente ed efficacemente convertito alle forme poliglutammate tramite l’enzima foli-poliglutammato sintetasi.

Le forme poliglutammate sono trattenute nelle cellule e sono inibitori ancora più potenti della TS e della GARFT. La poliglutammazione si verifica nelle cellule tumorali e in misura minore nei tessuti normali. I metaboliti poliglutammati hanno un’emivita intracellulare maggiore che determina un’azione prolungata del farmaco nelle cellule maligne.

[modifica] INDICAZIONI

Trattamento di due tipi di tumore ai polmoni:

  • il mesotelioma pleurico maligno (tumore della membrana che riveste i polmoni, generalmente provocato dall’esposizione all’amianto); in questo caso Pemetrexed è utilizzato in combinazione con Cisplatino nei pazienti non sottoposti a chemioterapia precedentemente e con tumori impossibili da rimuovere chirurgicamente. Nel corso degli studi Pemetrexed ha aumentato il tempo di sopravvivenza dei pazienti affetti da mesotelioma pleurico maligno. I soggetti a cui sono stati somministrati Pemetrexed e cisplatino sono sopravvissuti in media 12,1 mesi, rispetto ai 9,3 mesi dei pazienti che hanno assunto cisplatino da solo.
  • il carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio avanzato di tipo non squamoso; in questo caso Pemetrexed è utilizzato in combinazione con Cisplatino nei pazienti non trattati in precedenza o da solo nei pazienti sottoposti a una previa terapia antitumorale. Può inoltre essere impiegato come terapia di mantenimento nei pazienti che hanno ricevuto un trattamento chemioterapico a base di platino. Nel corso degli studi Pemetrexed si è rivelato altrettanto efficace dei medicinali di confronto, con tempi di sopravvivenza di circa 10,3 mesi nei pazienti non sottoposti a chemioterapia in passato e di circa 8,1 mesi in quelli che prima erano già stati sottoposti a chemioterapia. In uno studio sulla terapia di mantenimento, i pazienti a cui è cui è stato somministrato Pemetrexed hanno vissuto per ulteriori 4,3 mesi dall’inizio della terapia di mantenimento senza peggioramento del tumore, rispetto ai 2,6 mesi di quelli trattati con placebo. Nel secondo studio sulla terapia di mantenimento, i risultati sono stati di 4,1 mesi nel gruppo Pemetrexed e di 2,8 mesi nel gruppo placebo.

[modifica] CONTROINDICAZIONI

  • Ipersensibilità al principio attivo
  • Allattamento
  • Uso contemporaneo del vaccino per la febbre gialla

[modifica] POSOLOGIA

La dose raccomandata di Pemetrexed è di 500 mg/m2 di superficie corporea (calcolata in base al peso e all’altezza del paziente). Viene somministrata con un’infusione di 10 minuti una volta ogni tre settimane.

Per ridurre gli effetti indesiderati, i pazienti devono assumere un corticosteroide (Il corticosteroide deve essere equivalente a 4 mg di desametasone somministrato per via orale due volte al giorno) e acido folico ((350-1000 microgrammi almeno cinque dosi devono essere assunte nei sette giorni che precedono la prima dose di pemetrexed e l’integrazione deve continuare durante l’intero periodo di terapia e per 21 giorni dopo l’ultima dose di pemetrexed) e ricevere iniezioni di vitamina B12 durante il trattamento con Pemetrexed (1000 microgrammi nella settimana precedente la prima dose e successivamente una volta ogni tre cicli).

Quando Pemtrexed viene somministrato con cisplatino, La dose di quest'ultimo raccomandata è di 75 mg/m2 di superficie corporea da somministrare per infusione in 2 ore, circa 30 minuti dopo aver completato l’infusione di pemetrexed. i pazienti devono assumere inoltre un farmaco antiemetico e fluidi prima o dopo l’assunzione del cisplatino.

Il trattamento deve essere rinviato o sospeso, oppure la dose deve essere ridotta, nei pazienti con alterazioni nelle conte ematiche o che riportano altri effetti indesiderati; Prima di iniziare un ciclo di chemioterapia, è necessario che i pazienti abbiano i seguenti valori: la conta totale dei neutrofili (ANC) deve essere 1.500 cellule/mm3 e le piastrine devono essere 100.000 cellule/mm3. La clearance della creatinina deve essere 45 ml/min.

[modifica] AVVERTENZE

[modifica] INTERAZIONI

  • Dosi elevate di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) possono ridurre l’eliminazione del Pemetrexed e di conseguenza aumentare il verificarsi degli eventi avversi

[modifica] EFFETTI COLLATERALI

Gli effetti indesiderati più comunemente riportati correlati a pemetrexed, quando usato in monoterapia o in associazione sono: soppressione della funzione del midollo osseo che si manifesta con anemia, neutropenia, leucopenia, trombocitopenia; e tossicità gastrointestinali che si manifestano con anoressia, nausea, vomito, diarrea, stipsi, faringite, mucosite e stomatite. Altri effetti indesiderabili includono tossicità renale, aumento delle aminotransferasi, alopecia, affaticamento, disidratazione, eruzione cutanea, infezione/sepsi e neuropatia. Eventi osservati raramente includono la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi tossica epidermica.

[modifica] LINK CORRELATI

[modifica] BIBLIOGRAFIA

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
Social